21 giugno 2024

Il Feng Shui in cucina: la scelta dei colori

La nostra mente viene influenzata quotidianamente dai colori che ci circondano e dalle percezioni che ne derivano. Nel corso degli anni sono state sviluppate vere e proprie cure terapeutiche e discipline legate ai colori: se la cromoterapia si basa sull'utilizzo di immagini luminose e colorate, il Feng Shui è un'antica arte cinese orientata sulla riorganizzione armoniosa degli spazi abitativi attraverso il corretto utilizzo dei colori.

Ogni spazio poi si differenzia in base all'ampiezza a disposizione: con una cucina di dimensioni ridotte ad esempio, è sconsigliabile scegliere toni caldi perchè tendono a restringere l'ambiente. Diversamente i toni chiari tendono a ingrandire i locali, mentre quelli molto scuri hanno l'effetto opposto.

Secondo la filosofia del Feng Shui, lo stato della propria cucina è collegato direttamente allo stato della propria salute, ricchezza e felicità, e questo è importante per creare una buona energia e mantenerla nel tempo. La cromoterapia in cucina secondo il Feng Shui privilegia alcuni colori rispetto ad altri, che sono: arancio/rosso, giallo, verde, azzurro/blu, bianco.

Le ragioni di questa scelta? Vediamole qui sotto con particolare riferimento alle ante cucina:

 

Ante cucina in rosso/arancio

Sono tra i colori più vivi e stimolanti, con un forte impatto visivo. Sono ideali per l'ambiente perchè stimolano l'appetito e rappresentano un rimedio contro depressione e pessimismo con un'azione rigenerante sul sistema nervoso. È consigliabile abbinare le ante di questi colori con toni neutri e naturali come il beige e il bianco o con qualche particolare effetto legno. Da evitare invece per l'utilizzo dei mobili.

 

Ante cucina in giallo

Il giallo è sempre stato simbolo di luce e sole, associato da sempre alla positività e alla creatività, rende la zona attiva e dinamica. La sua azione riscaldante lo rende adatto a cucine di ampie e piccole dimensioni poiché non riduce visivamente lo spazio. È consigliato abbinarlo ad ante dai colori neutri o in vetro.

 

Ante cucina in blu/azzurro

Si tratta di colorazioni rinomate per l'azione rilassante e antistress, ma che riescono al tempo stesso a stimolare la creatività. In cucina è consigliabile scegliere tonalità più vivaci rispetto a queste ma suggeriamo di prenderle in considerazione solo se la cucina presenta un'ottima illuminazione per evitare di cambiare la percezione della stanza.

 

Ante cucina in verde

Il verde ha una fortissima azione riequilibrante poichè richiama la freschezza, la serenità e la naturalità. Il suo richiamo alla natura incrementa la sua capacità di portare equilibrio. Tra le varie tonalità di questo colore, quella più utilizzata per le ante cucina è il verde petrolio, abbinato spesso al bianco o al grigio.

 

Ante cucina in bianco

Il bianco è per eccellenza il colore dell'arredo per la sua purezza, l'eleganza e la versatilità. Pulizia, ordine e igiene sono caratteristiche connesse a questo colore in modo naturale. Il bianco può avere diverse sfumature dal burro al panna e abbinato con colori neutri crea un ambiente molto sobrio e luminoso. Accostando invece elementi contrastanti con colori vivaci o mobili in legno si crea uno spazio più particolare e personale.



In linea generale, i toni caldi ci rendono più reattivi ed energici, mentre quelli freddi tendono ad avere effetti calmanti e distensivi. Un ultimo consiglio è quello di evitare di caricare l’ambiente utilizzando troppe tonalità differenti, poiché si rischia di renderlo visivamente poco ordinato e caotico. Nella scelta specifica delle ante cucina sarebbe più corretto prediligere una combinazione equilibrata di pochi colori opposti oppure l’utilizzo di sfumature tono su tono.
 
Condividi